venerdì 27 settembre 2013

Novità Cersaie 2013: Philippe Starck per Ceramica Sant’Agostino

Dall’incontro tra il genio creativo di Philippe Starck e il riconosciuto know-how tecnologico di
Ceramica Sant’Agostino è nata la collezione FLEXIBLE ARCHITTECTURE. Presentata al CERSAIE 2013 è già un must.















« Riusciamo ad immaginare il primo uomo che ha avuto la strana idea di prendere un po’ di fango e cuocerlo? Perché? E dopo di lui, centinaia di migliaia di uomini che hanno continuato, pezzo dopo pezzo, piastrella dopo piastrella, successi dopo sconfitte, sconfitte dopo successi, provando a fare sempre meglio, per perferzionarle. È una bellezza, ma rimane comunque una domanda. L’unica risposta che ho è: forse è una profonda storia d’amore trail fango, il terreno, la terra e l’intuizione
dell’universo. La gente, la famiglia di Ceramica Sant’Agostino, è parte di questa storia, parte
della storia. Hanno affinato e raffinato ancora per raggiungere quello che oggi chiamiamo un miracolo. La trasformazione del fango in tesoro.
La bellezza di questa storia mi obbliga a volere essere parte di essa. Ceramica Sant’Agostino è
la migliore azienda per portare avanti questa visione e provare a raggiungere altri livelli di sogno. Potrebbe essere questa collezione, la FLEXIBLE ARCHITECTURE che porta una nuova visione, un punto di vista diverso, un nuovo territorio. La collezione FLEXIBLE ARCHITECTURE abbandona la bidimensionalità per i benefici della tridimensionalità in modo da offrire un’infinità di nuove dimensioni e possibilità.
La piastrella non è più una decorazione, è parte dell’architettura.
La “brutta fuga” era un problema, ora la “brutta fuga” diventa più un vantaggio. Ha una ragione per esistere. È un gioco mentale che diventa uno spazio mentale. È soltanto l’inizio di un infinito potenziale, di nuova creatività per servire l’architettura e gli architetti.
Infine, Ceramica Sant’Agostino ama talmente tanto il terreno che il terreno ha amato troppo Ceramica Sant’Agostino. Sono storie d’amore ». Ph. S.

Nessun commento:

Posta un commento