mercoledì 7 marzo 2012

Most Dixon

MOST è una nuova destinazione promossa da Tom Dixon che trasformerà il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano in un ambizioso scenario per l'innovazione e la cultura. Grazie alla creativa collaborazione di Ambra Medda e Martina Mondadori, un largo gruppo di marchi di fama globale e giovani designer sarà in mostra nello staordinario e storico spazio del museo da martedì 17 a domenica 22 Aprile 2012. 




Ogni espositore occuperà uno spazio individuale all'interno dei 40,000 mq del museo per formare un'unica grande esposizione tematica. MOST metterà in vetrina differenti esposizioni, sia all'interno del Museo sia all'aperto per un'area di circa 1000 mq, con installazioni più piccole messe insieme a creare un ambiente di svago. Martina Mondadori con TAR magazine organizzerà un programma di letture e seminari per tutta la durata di MOST. All'interno dell'auditorium del Museo, si terranno ogni giorni due discussioni che vedranno come protagonisti rinomati personaggi internazionali del mondo del design. "Sono davvero orgogliosa di essere parte di questo nuovo progetto che avrà luogo nella mia città: Milano è sempre stata la capitale del design ed il Museo della Scienza e della Tecnologia è un simbolo storico della città. Questo edificio combina perfettamente tre aspetti che saranno linee guida del nostro progetto: creatività, cultura ed intrattenimento. Sarò moderatore nel corso delle TAR Conversations e per la prima volta a Milano, chiamerò a raccolta i collaboratori delle testate più importanti per un confronto diretto. Si tratta per me di un modo di fare onore alla mia città e di portare talenti internazionali durante il Salone del Mobile", ha spiegato Martina Mondadori.

"In una forma di spontanea pazzia abbiamo deciso che il più importante punto d'incontro del design mondiale necessitava disperatamente un nuovo epicentro, uno spazio per la quieta contemplazione o la caotica energia – una piattaforma di scambio per grandi idee. Abbiamo quindi chiamato Ambra e Martina e con loro abbiamo avuto l'idea di condividere uno dei segreti meglio custoditi a Milano – il Museo della Scienza, dove un'elicottero in legno opera di Leonardo Da Vinci si fa spazio a lato di un sottomarino del XVI secolo. Abbiamo creato uno spazio dove poter mostrare a tutti la nuova democratizzazione e iperattiva innovazione della tecnologia nell'arte, cibo, moda, industria e comunicazione", spiega Tom Dixon.

[Fonte: domus]

Nessun commento:

Posta un commento