martedì 2 agosto 2011

Metti un fiore sul divano. Fiorita

“E’ da molto tempo che insisto nell’affermare, e cerco di convincere i miei colleghi, che il tempo delle forme astratte degli oggetti e delle costruzioni è ormai passato e che chi ancora comunica con questi mezzi rischia di essere considerato un nostalgico o un superato. Per quanto mi riguarda, continuo ad esprimermi con lavori che sono portatori di immagini, di figurazioni e di segni capaci di evocare visioni riconoscibili anche per il più “semplice” dei loro fruitori. Di astrattismo ne abbiamo avuto abbastanza e ci è anche costato la perdita, o il rischio di perdere, la nostra identità, la nostra “differenza” e così anche per gli spazi che abitiamo e per i luoghi urbani, con possibile prospettiva di appiattimento del mondo. Con queste premesse vi presento una delle ultime creazioni che ho fatto per Meritalia. Si tratta di un divano dedicato alla “primavera”: esso continua il lavoro sulle quattro stagioni che ho iniziato l’anno scorso con l’imbottito “Montanara” che celebra l’inverno. Evocare ed onorare la generosa stagione delle “fioriture”, la sua allegria, la sua freschezza, l’ottimismo, la gioiosa atmosfera, la gentilezza è stata l’intenzione di questa nuova creazione. A grandi linee, si tratta di un “prato” dove, con l’avanzare della stagione, appaiono sparsi dei fiori di diversa natura, colore, dimensione e forma. In altre parole, su una seduta realizzata con uno speciale tessuto che ricorda l’erba, gli estimatori avranno la possibilità di disporre dei grandi cuscini-fiore secondo le loro esigenze di comodità e gusto. Sono sicuro che “La Fiorita” possa suscitare l’interesse ed il successo che hanno avuto dei precedenti miei lavori con Meritalia.” Gaetano Pesce, New York marzo 2011







[Fonte: Meritalia]
 

Nessun commento:

Posta un commento