mercoledì 7 aprile 2010

Il colore senza tabù

Milano. Piazza del Tricolore. L'appartamento milanese di Paolo Bagnara raccontato da Pierre Léonforté per la rivista Maison Francaise.
Colori preferiti? I bordeaux e i viola. Il colore maledetto per eccellenza. E anche scandoloso.






Il tavolo è della linea Colors disegnata da B. Fattorini per MDF Italia, le due poltrone Luigi XIII sono rivestite in tartan scozzese composto da sette colori differenti.
I piatti e le tovagliette americane in patchwork di pelle sono un'edizione limitata di Promemoria mentre i bicchieri sono delle Vetrerie di Empoli e di Le Bon Marché.
Gli asciugamani sono ricamati in lino e le posate in argento antico. La lampada a sospensione è Nur disegnata da Ernesto Gismondi per Artemide. Alla parete risalta il quadtro Munchkindland di Aurelio Sartorio.


Il soggiorno è incorniciato sapientemente dalle larghe strisce color fico e prugna delle pareti.
I due divani in pelle sono di Poltrona Frau, i plaid sono pezzi unici di Rosanna Prezioso e i cuscini in lana di Missoni. Sulla panca rivestita di velluto di Pierre Frey troviamo un vassoio con piatti di Richard Ginori. A destra, il divano di MDF Italia a due colori: la seduta di velluto colore Bougainville,  la  spalliera stampata camouflage.
Troviamo inoltre il mobile  Effektiv di Ikea, i vasi di Murano di Venini e Barovier & Toso.
Dietro la lampada da terra "Absalom" realizzata da Pierluigi Nicolin per Artemide, un foulard vintage incorniciato.
Sul camino in marmo, porta oggetti in marmo e bronzo, un vaso di bronzo e la lampada con un paralume BHV.

In ufficio, bergère trovata da Hi-Tech a Milano e rivestita con un tweed pied-de-poule rosa, fucsia e nero. Sopra la bergère, il cuscino di velluto di Malo Home  e sullo schienale  un foulard del diciannovesimo secolo  indiano di cachemire, ricamato a mano. Sulla sedia "Molly" laccata color melanzana e arancione è appoggiata la sciarpa "gatti siamesi" di Falconetto.
A terra il  tappeto è di Ikea. Sulle pareti drappeggiano le tende di velluto foderato con cotone  a righe e colori tinta unita melanzana e prugna. Sul soffitto un lampadario di cristallo  1950 con abat-jour di diverse provenienze.  Nel corridoio, mensole in legno verniciato color melanzana.

La scrivania è stata fatta su misura mentre la  sedia è "CAB", disegnata da Mario Bellini per Cassina. Le scatole di Habitat sono riposte su mensole in laccato color melanzana.

Nei cassetti, i campioni di tessuti vintage sono una fonte d'ispirazione.


Nel soggiorno, poltrona e pouf di Adriano Galliani Fabbrica Salotti e Divani, foderati di lino di Peter Frey. Plaid  artistica di Rosanna Prezioso. Tenda di tweed disegnata da Christian Lacroix. 


Il letto è in arancione  di Adriano Galliani Fabbrica Salotti e Divani, i cuscini "Non Disegnare sui muri" sono di JC de Castelbajac. Tessuti e copriletto verde smeraldo sono di Marché Saint-Pierre.
Sui comodini in metallo verniciati color verde anice e rosso vermiglio di Ikea è appoggiata la lampada in alluminio verde smeraldo "Tolomeo Micro" di Artemide.  Lampadario è stato disegnato da Robert Gossens.


Sulla panchina, cuscini di lana di The Conran Shop
Due lampade in metallo sono state impreziosite con delle abat-jours dalle fumature fucsia acquistabili da Le Bon Marché. Sul tavolo, il pizzo centrino e l'alzata bianca di Riccardo Flaim.

Nel bagno asciugamani sapientemente ricamati. Nel riflesso degli specchi risaltano gli armadi  e il portascarpe rosso di Ikea. Sotto ai lavandini, tenda a strisce arancio su tela bianca.
Panoramica della stanza che collega l'ingresso, la  sala da pranzo e l'ufficio. Tappeto Ikea.

In cucina i lampadari e le sedie sono in stile art deco. Sotto il  piano di lavoro,  la tendina in lana è di Etro. Sopra il lavandino qualche bottiglia della produzione di Michele Chiarlo, vino della grande casa piemontese. Pentole di rame. Sul pavimento, uno tappeto greco. Pareti color terra d'Oriente.
[fonte: Maison Française]

Nessun commento:

Posta un commento